Harvard Business Review


le tecnologie IT danno vantaggio competitivo alle imprese


A cura di Carlo Testa,


Harvard Business Review

Uno studio condotto dalla Harvard Business Review Analytic Services, intitolato "The Digital Dividend − First Mover Advantage", dimostra come la tempestiva adozione di nuove tecnologie conduca a migliori risultati di business. Lo studio ha avuto lo scopo di comprendere l'impatto di quelle che vengono chiamate tecnologie "Big Five": mobile, social, cloud computing, advanced analytics e comunicazioni machine-to-machine (M2M), attraverso l'intervista condotta su un campione di 672 leader tecnologici di tutto il mondo.

"Le aziende che vogliono primeggiare devono innovare costantemente, e questo studio dimostra come la tecnologia sia un importante fattore abilitante per la crescita del business", ha commentato Tony Recine, Chief Marketing Officer di Verizon. "Lo studio di HBR − Analytic Services dimostra come le tecnologie Big 5 siano ora considerate un motore di crescita che crea nuovi modelli di business e cambia il modo in cui le aziende interagiscono con i loro clienti. Aspetto più importante, il valore di queste nuove tecnologie risiede non tanto in quello che le stesse possono raggiungere di per sè, quanto nella loro forza quando sono combinate all'interno di una soluzione complessa".

Nel dettaglio lo studio ha definito tre atteggiamenti delle aziende nei confronti dell'innovazione tecnologica:

  • Pionieri IT, quelle aziende identificate nel report come fortemente convinte dei benefici derivanti dall'adozione di nuove tecnologie e che perseguono il vantaggio della prima mossa. Si tratta del 34% delle imprese del campione. Con l'IT il 20% di queste aziende ha registrato una crescita del fatturato superiore al 30%, oltre il doppio rispetto alle aziende Follower e il triplo delle aziende Prudenti.
  • Follower, ovvero quelle che restano a guardare e investono solo dopo che i vantaggi sono stati comprovati, pari al 35% del campione.
  • Prudenti, quelle che aspettano fino a che una tecnologia non sia del tutto consolidata, pari al 30%.Il 57% di tutti gli intervistati considera l'IT come un investimento che genera innovazione e crescita. Il 54% di tutti i Pionieri IT identifica la tecnologia come fattore di spinta di un cambiamento significativo dei propri modelli di business, mentre il 52% la considera come causa di un cambiamento significativo nei prodotti e nei servizi venduti. Di contro, solo il 29% delle aziende appartenenti alla categoria Follower e il 10% di quelle inserite nella categoria Prudenti considerano la tecnologia come fattore di cambiamento dei propri modelli di business. Tuttavia, la ricerca ha rilevato un'adozione significativa di varie forme di tecnologia tra tutti gli intervistati. Per esempio, il 73% utilizza il cloud computing, il 61% ha ampiamente adottato la mobilità, l'83% sfrutta social media e strumenti di collaborazione per finalità di business, e il 20% utilizza in modo estensivo le tecnologie M2M.


"Le aziende devono diventare più flessibili in termini di implementazione tecnologica e rendere l'innovazione parte della propria cultura per concretizzare il reale valore di business".