Content Management System

Content Management System
28 ottobre 2015 Marina Masi

Da WordPress a Joomla!, da Droopal a LifeRay, dati alla mano è possibile affermare che sempre più siti nel mondo utilizzano un CMS. Ma per spiegare efficacemente questo fenomeno e l’enorme diffusione che ne consegue, è necessario fare un passo indietro e spiegare in cosa consiste e quali sono i vantaggi che la scelta di utilizzarne uno comporta.

Letteralmente CMS sta per Content Management System ed indica una piattaforma per la gestione dei contenuti di un sito web. Si tratta di uno strumento che nasce con l’idea di fornire ai “non addetti al lavoro” la possibilità di gestire, modificare, aggiornare i contenuti delle proprie pagine web, senza dovere avere a che fare con linguaggi di programmazione e altre complessità altrimenti inaccessibili all’utente finale. Dalla nascita del web ad oggi, il modo di realizzare siti si è enormemente evoluto nel tempo. Prima il sito web era un semplice strumento informativo, con lo scopo di presentare al “mondo” un contenuto e non si dava grande importanza a come quest’ultima venisse presentata. Va anche osservato che non tutti possedevano una connessione Internet e che, soprattutto agli albori, la rete nacque come uno strumento di informazione al mero servizio della comunità scientifica (era dunque un fenomeno molto di nicchia).

Oggi le cose sono molto cambiate ed a mio avviso non è azzardato affermare che, accanto al mondo ad alla vita reali, si è sviluppata una vera e propria realtà parallela e virtuale, fatta di pagine web, blog, social network e chi più ne ha più ne metta. Lo scopo della rete non è più dunque solo quello di fornire contenuti ma anche quello di proporre, fare pubblicità, promuovere, in ultima analisi vendere. In quest’ottica va da se che un sito web non è più solo un insieme di pagine a se stanti in un angolo del web, ma diviene una vera e propria vetrina, uno strumento di sponsorizzazione ed un catalizzatore di attenzione potenzialmente in grado di attrarre sempre più visitatori.

In tutto ciò riveste un ruolo fondamentale non solo assicurarsi che la veste grafica sia piacevole, attraente ed in grado di creare un’atmosfera che colpisca innanzitutto l’occhio del visitatore casuale (aspetto che incuriosisce ed invoglia nel proseguire l’esperienza di navigazione), ma che i contenuti siano sempre aggiornati, curati ed in linea con le ultime novità del momento.

I primi siti web erano dunque statici, si trattava cioè di una enorme collezione di pagine html tenute insieme da link incrociati ed in cui le informazioni da visualizzare erano embedded all’interno del codice sorgente. Andare dunque a modificare il contenuto del sito richiedeva necessariamente l’intervento del programmatore che si era occupato della sua realizzazione e su cui ricadeva l’onere di aggiornarlo e revisionarlo. Effettuare una grossa mole di modifiche richiedeva dunque un lavoro certosino ed oneroso (ed anche costoso!) poiché interamente manuale.

Il passo successivo è stato il sito dinamico, in cui la struttura grafica viene “popolata” da dati letti da un database. Le pagine vengono dunque create al volo fondendo una parte fissa (quella relativa al layout ed alla veste grafica) con quella (informativa) prelevata dalla base di dati. E’ molto più agevole ma anche in questo caso la manutenzione comporta la necessità di avere delle competenza tecniche.

Il CMS aggiunge ad un sito dinamico la possibilità di variare I contenuti del sito senza intervenire direttamente sulle pagine e sul database da cui le informazioni vengono lette. Una volta cioè realizzata la struttura retrostante (che rimane necessariamente nelle mani di un programmatore esperto), l’inserimento ed il mantenimento delle informazioni ed il loro aggiornamento potrà essere devoluto (interamente o quasi) al committente, agli occhi del quale il funzionamento retrostante diventa del tutto trasparente!

L’utilizzatore avrà semplicemente a che fare con un front-end di facile utilizzo che gli consentirà di inserire articoli, link, banner e quant’altro. I vantaggi di questa soluzione sono immediati e si traducono in una maggiore semplicità di gestione e manutenzione del sito in un panorama in cui diventa sempre più importate curare questa vetrina virtuale. Non solo questo: si ammortizzano notevolmente I costi di gestione e si affida finalmente la responsabilità della gestione dei contenuti a chi veramente è responsabile degli stessi. Da notare inoltre che il sito dinamico con il CMS per la gestione dei contenuti potrebbe essere integrato con il software gestionale (ERP) e con il CRM (Customer Relationship Management). Molte aziende che si sono mosse in questa direzione hanno dimostrato apertura all’innovazione e lungimiranza, ottenendo risultati lusinghieri soprattutto nel lungo periodo.

Next04 ha messo a punto un CMS versatile ed intuitivo, che ben si presta alle esigenze dell’utente più inesperto. La scelta di puntare su un prodotto più di nicchia come questo, a scapito di nomi più blasonati come WordPress o Joomla!, risiede nel grosso vantaggio di avere una soluzione cucita su misura sulle esigenze del committente, di semplice utilizzo e di più semplice customizzazione, dotata esclusivamente delle funzionalità effettivamente necessarie al cliente. La progettazione segue in genere le seguenti fasi che si suddividono in:

  • Analisi, Necessità e Caratteristiche del CMS
  • Pianificazione e sviluppo moduli aggiuntivi per il CMS
  • Customizzazione grafica
  •  Data Entry iniziale per inserimento contenuti
  • Formazione all’utilizzo
  • Gestione e manutenzione della piattaforma

L’utente viene dunque formato e seguito nelle fasi preliminari di utilizzo dello strumento e può contare sul supporto di un team sempre presente e sempre attento alle sue esigenze.