I voucher per la digitalizzazione delle PMI: uno strumento indispensabile per l’ammodernamento tecnologico

I voucher per la digitalizzazione delle PMI: uno strumento indispensabile per l’ammodernamento tecnologico
14 novembre 2017 Silvia Di Gennaro
Acquistare hardware, software e servizi specialistici a partire dal prossimo anno sarà meno gravoso in termini economici per le piccole e medie imprese, grazie ai voucher per la digitalizzazione messi a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico. A distanza di tre anni dalla pubblicazione del decreto interministeriale che sanciva la disciplina attuativa della misura, lo scorso 24 ottobre sono state pubblicate le modalità operative e i termini per la partecipazione alle agevolazioni.
In un periodo in cui la trasformazione digitale rappresenta un obiettivo primario per le imprese che non vogliono perdere competitività nei propri mercati di riferimento, una misura che permette di agevolare interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico, rappresenta un’opportunità da non perdere.

Il Ministero dello Sviluppo Economico agevola interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico con una misura da 100 milioni di euro

Ma vediamo brevemente di cosa si tratta e come funziona la misura agevolativa promossa dal Ministero. La dotazione finanziaria complessiva è di 100 milioni euro, ripartiti tra le regioni proporzionalmente al numero delle imprese registrate presso le camere di commercio operanti nelle singole regioni.
Qual è la dotazione finanziaria per singola regione?
   Piemonte 7.728.051,34
   Valle d’Aosta 226.283,32
   Lombardia 15.784.825,34
   Trentino-Alto Adige 1.963.323,46
   Veneto 8.532.862,46
   Friuli-Venezia Giulia 1.801.739,68
   Liguria 2.677.407,58
   Emilia-Romagna 8.018.024,20
   Toscana 6.921.569,81
   Umbria 1.582.662,46
   Marche 2.983.929,22
   Lazio 9.235.642,13
   Abruzzo 2.488.320,19
   Molise 600.787,08
   Sardegna 2.778.176,50
   Basilicata 1.018.138,99
   Campania 9.120.363,89
   Calabria 3.008.266,82
   Puglia 6.373.983,59
   Sicilia 7.155.641,94
   Totale 100.000.000,00

 

I voucher sono finanziamenti a fondo perduto di cui ciascuna impresa può beneficiare per un importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili, per l’acquisto di hardware, software e/o servizi specialistici che consentono di migliorare l’efficienza aziendale, modernizzare l’organizzazione del lavoro, sviluppare soluzione di e-commerce, fruire della connettività a banda larga e ultralarga, realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel settore ICT. Le spese ammissibili vanno dall’acquisto di beni, attrezzature e servizi alle spese di attivazione del servizio per la connettività fino alle spese per la partecipazione a corsi specialistici.

 

Per cosa puoi utilizzare i voucher?
 

Acquisto di hardware, software e servizi di consulenza  specialistica

Attivazione del servizio per la connettività sostenute una tantum

Acquisto e attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare

Partecipazione a corsi e acquisizione di servizi di formazione qualificata nel campo ICT

L’agevolazione è cumulabile con il superammortamento e l’iperammortamento (prorogati per l’anno 2018 con piccole differenze rispetto ai precedenti), ma non con i contributi pubblici configurabili come aiuti di stato per le medesime spese. Sarà possibile presentare domanda di accesso al contributo a partire dal 30 gennaio 2018 e fino al 9 febbraio 2018.

LE DOMANDE AL VIA DAL 30 GENNAIO 2018 FINO AL 9 FEBBRAIO 2018

Terminata la fase di inserimento delle domande, previo riparto delle risorse assegnate, il Ministero pubblicherà un provvedimento cumulativo di prenotazione del voucher, su base regionale, contenente l’indicazione delle imprese e dell’importo dell’agevolazione prenotata. Solo successivamente all’emissione di tale provvedimento, sarà possibile effettuare gli acquisti, le cui spese verranno, in ultima analisi, ritenute ammissibili dal Ministero con la concessione definitiva del voucher.

 

Per chi sta pensando ad un ammodernamento tecnologico della propria impresa nel prossimo anno, approfittare di una misura del genere in termini economici è doveroso e utile al fine di poter portare avanti tutte quelle soluzioni informatiche più complesse per cui è richiesta una dotazione finanziaria rilevante. La concessione di un finanziamento a fondo perduto è sempre un’occasione da non farsi scappare e noi di Next04 offriremo tutto il supporto necessario a gestire i progetti che vorrete portare avanti negli ambiti di attività agevolabili dalla misura. NEXT04 è a vostra disposizione non solo per disegnare il progetto informatico ma anche per supportarvi nella eventuale redazione della documentazione necessaria per la compilazione della domanda di adesione.