L’IT e la Trasformazione Digitale: cosa aspettarci?

L’IT e la Trasformazione Digitale: cosa aspettarci?
9 Aprile 2021 Carlo Testa

In un anno ricco di cambiamenti e novità il mondo IT si trova di fronte a sviluppi inaspettati e ad una ancora più accelerata trasformazione digitale. Con il supporto degli studi di The Innovation Group, andremo a parlare di cosa è successo nel 2020 nel nostro settore e cosa possiamo invece aspettarci dal 2021.

Cos’è successo finora?

L’anno passato ha rappresentato una sfida per molti settori merceologici: le imprese sono state messe a dura prova e si sono dovute reinventare per far fronte alle difficoltà giunte con l’emergenza sanitaria.

Il remote working è diventato parte integrante della quotidianità di molti lavoratori, così come lo shopping online e l’utilizzo di app per ordinare cibo a domicilio, altre due tendenze che hanno preso piede nel corso del 2020.

Da un’analisi condotta su un campione di executive di 180 imprese italiane infatti, risulta che il 49% del campione analizzato ha notato un’accelerazione della trasformazione digitale dovuta all’emergenza sanitaria.

Difatti, quest’anno così complesso ha anche portato qualcosa di positivo: tutti i cambiamenti hanno dato una forte spinta alla trasformazione digitale, portando molte aziende ad un’ottimizzazione dei processi e della gestione del lavoro. La pandemia ha infatti stimolato gli investimenti in tecnologie digitali per far fronte ad alcune necessità accusate già da tempo in molte imprese:

  • Efficienza operativa
  • Riduzione dei costi
  • Maggiore agilità
  • Flessibilità dei modelli di business

Il mondo IT tra il 2020 e il 2021 secondo The Innovation Group

The Innovation Group ha pubblicato il Digital Business Transformation Survey: uno studio focalizzato proprio sull’andamento del settore ICT nell’ultimo anno, accompagnato da una serie di previsioni riguardanti il 2021.

Negli anni passati le ricerche avevano registrato uno sviluppo degli investimenti in nuove tecnologie coerente con l’andamento del PIL. Nel 2020 invece, per la prima volta, assistiamo ad una dinamica anticiclica: mentre il PIL ha subito una flessione vicina al 9%, gli investimenti nel settore high-tech sono andati nella direzione opposta, registrando un aumento del 2.5%.

In particolare, gli ambiti maggiormente influenzati sono stati:

Ci si aspetta, inoltre, una crescita ancora maggiore nel corso del 2021 per cui è previsto un aumento degli investimenti aziendali del 6,8%. Le stime proposte sono state già in parte confermate dallo studio effettuato sugli executive a inizio 2021: il 43% considera infatti un aumento del budget ICT nel 2021, mentre il 28% prevede un budget stabile.

Anche dal punto di vista hardware ci sono stati investimenti rilevanti nel corso del 2020, in particolare per l’acquisto di smartphone, notebook e desktop necessari per l’integrazione del lavoro da remoto, che continueranno anche nel 2021 a ritmi più rallentati.

Ciononostante, non tutto il settore IT è in crescita: facendo infatti riferimento all’IT definito “tradizionale” si registra una calo del 2,8% nel 2020, probabilmente seguito da una perdita dello 0,5% nel 2021.

Le priorità per i team IT nel 2021

Altri spunti di riflessione ci arrivano dal contributo degli IT Manager intervistati, i quali individuano il focus dell’attività ICT 2021 nelle seguenti iniziative:

Conclusioni

The Innovation Group ha riportato dei dati importanti per gli sviluppi della trasformazione digitale andando ad evidenziare la risposta delle aziende ai cambiamenti di questo periodo.

Al giorno d’oggi, risulta quindi essenziale valutare un incremento del budget ICT a favore della modernizzazione e ottimizzazione dei processi aziendali: ci troviamo di fronte ad una realtà economica e lavorativa in rapidissima evoluzione e l’integrazione con l’IT rappresenta uno strumento indispensabile per le evoluzioni a cui stiamo andando incontro.